Convegno “Lamberto Loria (1855-1913) per un museo nazionale di etnografia”

Roma, 23-25 ottobre 2014

Al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, Giovanni Kezich presiede la sezione dedicata ai musei etnografici europei

Dal 23 al 25 ottobre 2014 presso l’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia – Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari,  si tiene il convegno internazionale di studi “Lamberto Loria (1855-1913) per un Museo Nazionale di Etnografia”.
Ad oltre un secolo dalla sua scomparsa, il convegno celebra la figura di Lamberto Loria, esploratore ed etnologo, che nel 1906 ha fondato a Firenze il primo Museo di etnografia italiana. A partire dal 1908 Loria ha coordinato una serie di ricerche finalizzate all’acquisizione di materiali provenienti dalle varie regioni, che ha portato alla grande esposizione del 1911, con padiglioni regionali e palazzi espositivi (poi demoliti), con rifacimenti di intere architetture simbolo delle città italiane e ricostruzioni della vita quotidiana nelle varie culture locali. Nel 1911 la raccolta comprendeva ben 30.000 oggetti etnografici, oggi conservati nel Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, che nel 1956 ha trovato sede definitiva all’EUR.
Il convegno, a oltre un secolo da questi avvenimenti, vuole ora proporre nuovi studi sulla figura di Lamberto Loria e comparazioni con ricerche d’ambito antropologico ed esperienze museografiche internazionali.
Le sezioni del convegno, aperto dalla Direttrice dell’Istituto Maura Picciau, sono presiedute da  Pietro Clemente,Francesco Faeta, Luigi Maria Lombardi Satriani e Giovanni Kezich.