Il Museo porta il paesaggio trentino a un convegno a Torino

Torino, 14 e 15 ottobre 2016

Interessante convegno torinese, venerdì 14 e sabato 15 ottobre, con sede nel capoluogo piemontese e a Mattie, in Val di Susa, dal titolo “Aree marginali. Sostenibilità e saper fare nelle Alpi“, promosso dall’Università di Torino e dalla Regione Piemonte, con la collaborazione, tra gli altri, di alcuni ecomusei piemontesi, nell’ambito del  progetto MASKA (Marginal Areas Sustainability  and Know-How in the Alps). Nell’ambito delle sessioni di lavoro, particolarmente qualificate per la presenza di alcuni decani degli interessi antropologici contemporanei sull’arco alpino, Giovanni Kezich e Antonella Mott, del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, parleranno di Trentino, con la comunicazione “Usi e riusi del villaggio fantasma: memoria e oblio del maggengo alpino“.
Il convegno, sulla scorta dell’interesse generale di questi anni per il paesaggio, desidera indagare i nuovi scenari determinati sulla montagna dalle nuove dinamiche del ripopolamento – e l’emergere dei cosiddetti “nuovi contadini” – a contatto con  le risorse proprie di un’agricoltura antica e sostenibile: dall’allevamento del bestiame alla cultura casearia d’altura, dalle coltivazioni desuete della lavanda e della canapa fino alla segale e alle antiche varietà di cereali, dai saperi curativi a quelli edilizi, nel contesto generale del “ritorno alla terra” di questi nostri anni.

Programma convegno