La mostra “Le scritte dei Pastori” all’ex “Tabià del Moco” di Ziano di Fiemme

Ziano di Fiemme, 10 dicembre 2014

L’inaugurazione mercoledì 10 dicembre alle 17.30

Mercoledì 10 dicembre alle ore 17.30 si inaugura, presso l’ex “Tabià del Moco” di Ziano di Fiemme, la mostra “Le scritte dei pastori. Tre secoli di graffitismo rupestre fiemmese in prospettiva etnoacheologica”, curata da Marta Bazzanella per il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina.
La mostra si propone di diffondere i primi risultati della ricerca, ancora in corso,  sulle scritte rupestri lasciate dai pastori nel corso di circa 400 anni sul Monte Cornón della val di Fiemme ed è già stata in diverse località del Trentino.
È di questi giorni la notizia del ritrovamento, tra la miriade di foto scattate tra il 2007 e il 2012 dai ricercatori del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina nel gruppo del Latemar-Cornón, di alcune scritte datate al 1558. Da un punto di vista cronologico l’attività scrittoria dei pastori sulle pareti rocciose del Cornón era stata finora documentata a partire dalla seconda metà del ‘600 e continua fino ad oltre la metà del secolo scorso, ovvero fino al tramonto della società tradizionale.
La mostra è allestita in collaborazione con il Comune di Ziano di Fiemme e la Comunità Territoriale della Val di Fiemme ed è visitabile dal 20 dicembre 2014 all’11 gennaio 2015 (chiuso 25 e 26 dicembre e 1 gennaio) con orario 16.00-19.00.