A Proves si parla de “La frontiera nascosta” dell’alta Anaunia

Proves, 8 agosto 2020

“La grande e la piccola frontiera nascosta. Il confine linguistico-culturale dell’Alta Anaunia nello sguardo degli antropologi” è il titolo della serata di venerdì 7 agosto che si tiene alle ore 20.30 nella sala riunioni del comune di Proves, in alta val di Non, durante la quale Giovanni Kezich, direttore del Museo, parla del famoso saggio di John Cole ed Eric Wolf “La frontiera nascosta. Ecologia e etnicità fra Trentino e Sudtirolo“, la cui edizione italiana è stata curata dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina.

Nell’alta val di Non, piccole comunità contadine di lingua romanza sono insediate fianco a fianco a comunità germanofone, lungo una ‘frontiera nascosta’ tanto linguistica quanto culturale. Perché, in presenza di condizioni ambientali simili, le culture dell’uomo possono essere tanto diversificate? Da un’ormai classica ricerca sul campo svoltasi a Tret e a St. Felix nell’alta val di Non, il volume rappresenta una delle risposte più qualificate e autorevoli nell’ambito dell’antropologia contemporanea.

La presentazione si svolge rispettando le disposizioni vigenti in materia di emergenza COVID-19.

Locandina della serata