Forest Frame. La foresta tra sogno e realtà: gli scatti di Galimberti

San Michele all'Adige, 17 novembre 2021

Un viaggio fotografico nelle foreste trentine, tra alberi che profumano di legno buono e scrivono paesaggi fragili. È suggestivo l’incontro tra arte fotografica, paesaggio ed etnografia al Museo dove la mostra “Forest Frame. La foresta tra sogno e realtà” racconta i boschi del Trentino attraverso l’obiettivo del fotografo milanese di fama internazionale Maurizio Galimberti. Allestita nelle sale del Museo, in una sorta di dialogo tra gli scatti d’autore e le diverse filiere tecnologiche presenti, la mostra viene inaugurata mercoledì 17 novembre alle 17.30.
Le 26 opere di Maurizio Galimberti indagano il rapporto tra natura e umanità e presentano uno spaccato del Trentino di grande emozione. Con un linguaggio decisamente poetico, tra alberi spezzati dalla furia della tempesta e altri che riportano ad antiche suggestioni, il maestro fotografo propone una sorta di viaggio onirico, al di là del tempo e dello spazio, ritraendo paesaggi delle foreste trentine (Fiemme e Fassa, Valsugana, val di Non, Molveno, val di Cembra, di Arco). Protagonista di un emblematico scatto appositamente realizzato per l’occasione dell’esposizione al Museo di San Michele, è il Castello di Monreale: il maniero è raffigurato in una sorta di visione onirica, quasi a creare un tessuto dove trama e ordito manifestano i potenti emblemi del territorio, il bosco e i tralci di vite, simbolo della Piana Rotaliana. L’artista, in questo modo, rappresenta magnificamente il contesto dell’allestimento della mostra.
Galimberti definisce la sua fotografia “un single doppio scatto”: le immagini in mostra sono infatti vere e proprie opere d’arte con sapienti giochi di capovolgimenti, ricomposizioni, frammenti, dettagli che si intrecciano tra loro, trasmettendo emozioni intime e suggestive.

La mostra è visitabile fino al 30 marzo 2022 nei consueti orari di apertura del Museo (dal martedì alla domenica 9.00-12.30 14.30-18.00).

L’allestimento nasce in partnership con il MUSE – Museo delle Scienze, grazie ad una collaborazione con Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano. Il Gruppo Bancario Cooperativo all’inizio dell’estate scorsa ha acquistato la mostra nella sua interezza, che per l’esposizione al Museo vede il contributo di Cassa Rurale Rotaliana e Giovo, Comune di San Michele all’Adige e Consorzio Turistico Piana Rotaliana Königsberg.