Kezich relatore per “Narrare i paesaggi rurali. Rapsodia pugliese”

Trento, 4 marzo 2016

Il Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica dell’Università degli Studi di Trento, con la collaborazione del Dipartimento di Lettere e Filosofia, organizza un momento di confronto in occasione della presentazione del film documentario “Rapsodia pugliese. L’importanza di una torre“, realizzato dal regista trentino Gianfranco Dusmet sulla base di un progetto di ricerca presentato alla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e condotto dalla prof.ssa Loredana Ficarelli con la prof.ssa Mariangela Turchiarulo del Politecnico di Bari.
Alla tavola rotonda che ha luogo venerdì 4 marzo alle ore 16.30 presso l’Auditorium del Dipartimento di Lettere e Filosofia di Trento, partecipa anche Giovanni Kezich, direttore del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, che è tra gli enti patrocinatori dell’evento, insieme a Politecnico di Bari, Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura del Politecnico di Bari, STEP Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, Osservatorio del Paesaggio Trentino e quotidiano Trentino. L’incontro rappresenta un’occasione di dialogo tra la scuola trentina e quella pugliese e inaugura una collaborazione tra il Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale dell’Università di Trento e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura del Politecnico di Bari, volta alla promozione di attività di ricerca e di didattica su temi condivisi.

Mediante la narrazione cinematografica, inconsueto strumento di promozione e divulgazione della ricerca scientifica, gli autori del film documentario hanno voluto esprimere i capisaldi di uno studio dell’architettura e dei paesaggi rurali di Puglia, raccontati attraverso il tema delle filiere agro-alimentari. Il territorio è interpretato come memoria di un paesaggio in costruzione, plasmato dall’uomo per fini produttivi, testimonianza di un sistema di relazioni tra parti collaboranti: elementi naturali, caratteristiche geomorfologiche, insediamenti, modalità d’uso del suolo per fini produttivi, variabili storiche, matrici culturali. Il documentario esprime il racconto di un viaggio alla riscoperta del patrimonio territoriale e umano che è caratteristica genetica fondante di un lembo di terra cullato dal mare. Dall’alba al tramonto, in un’atmosfera rarefatta e solitaria, il percorso del sole guida lo spettatore trasformandolo in protagonista, in un’esperienza coinvolgente, mistica e topografica che dai paesaggi costieri risale, man mano, nell’entroterra dell’altopiano murgiano.

Partecipano alla tavola rotonda:
Elena Dai Prà, Dipartimento di Lettere e Filosofia UniTN
Gianfranco Dusmet, GFD Film & TV Facilities
Alberto Faustini (moderatore), quotidiani Trentino e Alto Adige
Loredana Ficarelli, Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura PoliBA
Giovanni Kezich, Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
Giovanna A. Massari, Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica UniTN
Giorgio Tecilla, STEP Osservatorio del Paesaggio Trentino
Mariangela Turchiarulo, Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura PoliBA
Bruno Zanon, Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica UniTN