IL CARNASCIÀL DI SORAGA E I MAMUTHONES SARDI SU TELEPACE TRENTO

Trento, 2 e 3 marzo 2014

Domenica 2 marzo alle 14.30 e alle 21.50 e lunedì 3 alle 14.25 il film di Michele Trentini

Domenica 2 marzo alle ore 14.30, in replica alle ore 21.50 e lunedì 3 alle ore 14.25 sono in programma su Telepace Trento (Telepace Regione 2) nell’ambito della rubrica „Cinema d’autore“, i documentari di Michele Trentini “Carnasciàl 2008 de Soraga” e “Fuochi di Sant’Antonio Abate a Mamoiada”, prodotti dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige, nell’ambito delle ricerche sul campo per il progetto europeo “Carnival King of Europe”, di cui il Museo è capofila. Si tratta di film che documentano i riti carnevaleschi della val di Fassa e della Sardegna.
Anche a Soraga, come in altre località della val di Fassa, il carnevale documentato nel film “Carnasciàl 2008 de Soraga” viene aperto dalle maschere guida: il Laché, che delimita lo spazio scenico con una serie di lunghi balzi, presenta il gruppo. Segue il Bufòn, l’unico a indossare la maschera, che muovendosi in modo irrequieto prende di mira alcuni astanti, soprattutto le donne, rivolgendo loro divertenti e salaci strofette in lingua ladina. Fanno poi il loro ingresso due coppie di marascòns, avanzando con piccoli balzi ritmati e facendo risuonare i loro squillanti campanacci. Alle maschere guida, fanno seguito un numero indefinito di maschere „sociali“, più disordinate, che rappresentano i mestieri del luogo, come il contadino, l’artigiano, il gelataio o lo sciatore, mettendo in scena simpatiche pantomime.
Fuochi di Sant’Antonio Abate a Mamoiada”: in molte parti d’Italia quella di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio, è la data in cui si dichiara ufficialmente aperto il carnevale. Così è a Mamoiada, in Sardegna, dove alla vigilia viene effettuata una breve processione, con tre giri antiorari intorno a una pira ardente che viene benedetta, e il giorno successivo, nell’ora canonica carnevalesca del primissimo pomeriggio, ha luogo la prima uscita dei mamuthones, accompagnati dagli issohadores. Durante il giro di questua alcuni paesani sono impegnati nel ballo dei mamoiadini, accompagnati dalla musica di un organetto diatonico.

Carnasciàl 2008 de Soraga, di Michele Trentini, MUCGT, 2008, 20′
Fuochi di Sant’Antonio Abate a Mamoiada, di Michele Trentini, MUCGT, 2011, 15′