LE DITA DI FUOCO

San Michele all’Adige, 30 marzo 2008
Alle 11.30 e alle 16.30, presso il MUCGT, il nuovo spettacolo di burattini di Luciano Gottardi ispirato al classico libro per l’infanzia di Giuseppe Šebesta, Le Dita di Fuoco. Venti fiabe di valli trentine

“Dove finisce la foresta di conifere di San Martino, le cime delle Dolomiti vengono su nel cielo come tante dita di mani. Vi siete mai chiesti perché al tramonto queste dita diventino rosse? È una storia molto vecchia. Una storia di gnomi. Quelli che vivono dentro le caverne, nei visceri della montagna.”

Così comincia Le Dita di Fuoco, storia che da il titolo all’omonima raccolta di fiabe scritta da Giuseppe Šebesta nel 1962. Per realizzare le illustrazioni del suo libro Šebesta costruì e fotografò scenografie e pupazzi, alcuni dei quali sono oggi conservati nelle sale del Museo. Cinque di quelle storie (Un Merlo di Legno, Il piccolo Sole, La Cintura incantata, Le Arance d’Oro, Le Dita di Fuoco) vengono messe in scena da Luciano Gottardi nel suo nuovo spettacolo, in un suggestivo allestimento ispirato ai personaggi e alle ambientazioni create più di quarant’anni fa dal fondatore del Museo deglli Usi e Costumi della Gente Trentina.