„Parla Šebesta“: per il nostro „San Giuseppe“, il regalo del Museo

San Michele all'Adige, 19 marzo 2021

“Più di tutto ciò che mi colpì nella vita è il rapporto tra il paesaggio e l’uomo […] che non avendo nulla riusciva a sopravvivere creando mezzi, creando macchine, creando un mondo fuori del comune di oggetti e di attrezzature”.

In occasione della festa di San Giuseppe il Museo vuole fare un regalo ai propri visitatori virtuali, pubblicando un’eccezionale videointervista finora inedita a Giuseppe Šebesta, il fondatore del Museo. L’intervista è stata realizzata nel 1994 dalla videoantropologa torinese Cecilia Pennacini e sarà visibile da venerdì 19 marzo sul canale YouTube e sui social network del Museo, Facebook e Instagram.
Le parole di Šebesta ci guidano partendo dal sogno di un museo trentino che avrebbe dovuto raccogliere l’immenso patrimonio materiale delle valli, fino all’apertura del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, senza tralasciare l’incontro con Bruno Kessler e le prime fasi di allestimento.
Ci viene spiegato il nome stesso del Museo: “Io vedevo il popolo Trentino come una stirpe, stirpe in latino ‚gens‘, ecco perché ‚della gente trentina’”. E infatti il suo museo nasceva dal popolo stesso, che gli era stato maestro, perché attraverso la conoscenza diretta delle persone e dei loro saperi era riuscito a leggere l’ambiente: “Il mio museo era un museo innanzitutto di tecnologia umana applicata al territorio”.

„Parla Šebesta“
Riprese di Cecilia Pennacini, 1994
Video editing Lorenza Corradini, 2021
Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina ©2021