Eurorama 13 al Royal Anthropological Institute di Londra

Londra, 26 ottobre 2019

Sabato 26 ottobrea Londra, presso il Royal Anthropological Institute, viene proiettata una selezione dei migliori film proposti nel corso dell’edizione 2019 di Eurorama.
Eurorama. L’Europa dei popoli nei festival del cinema etnografico”, sezione del Trento Film Festival a cura del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina può vantare, da due anni, un’interessante collaborazione con il Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland, l’istituto britannico di antropologia, che supporta la programmazione della sezione.
Eurorama presenta al pubblico film etnografici di interesse europeo tra quelli premiati e segnalati dai maggiori festival del cinema etnografico del nostro continente, selezionati da Giovanni Kezich per il Museo e da Caterina Sartori per il Royal Anthropological Institute.

Programma delle proiezioni:

11:00 Introduzione

11:10 “The Lake”
di Daria Blokhina, Russia, 2017, 30 min
Ethnocineca 2018, Vienna | International Shorts Award
La famiglia Filippovy vive nel nord della Russia, lontano dalla civilizzazione, connessa con la natura che li circonda: uno stile di vita che richiede dedizione e molto lavoro.

11:40 “Anniversary”
di Claudiu Mitcu, Romania, 2017, 54 min
Astra Film Festival 2018, Sibiu | Premio per Miglior Regista
Ioan Colţea sta per compiere 91 anni e vive in un tranquillo villaggio nelle montagne. Circondato dalla sua famiglia, sempre sereno e distaccato, osserva i propri figli, i nipoti e pronipoti con gentilezza, calore e rassegnazione. La famiglia si riunisce per un’intera settimana, non solo per celebrare il compleanno del nonno, ma anche per costruirgli una nuova tomba e una croce, il tutto sotto il suo sguardo attento e preciso.

12:40 Pausa pranzo

13:40 “Àlima”
di Loukas Koubouris e Nickolas Papadimitriou, Grecia, 2017, 30 min
Nordic Anthropological Film Association (NAFA) Film Festival 2018, Cluj (Romania) | Segnalato
Nei secoli le comunità che vivono sulla laguna di Missolungi in Grecia hanno sviluppato diversi tipi di tecniche di pesca. Una di queste è la creazione di allevamenti ittici naturali basati su saperi tradizionali, chiamati «ivaria», in cui vengono usate delle barriere per catturare i pesci durante la loro migrazione verso il mare aperto. Il film osserva la routine giornaliera dei pescatori che lavorano e vivono in un ivari durante una stagione di pesca.

14:10 “Passager”
di Arjang Omrani e Asif Rezaei, Grecia, 2018, 64 min
World Film Festival 2018, Tartu (Estonia) | Segnalato
Asif, un rifugiato afghano con problemi alla vista, ha provato svariate volte a raggiungere l’Europa occidentale dalla Grecia. Il film è il suo video diario girato nel corso di otto mesi, nel quale parla del lavoro nei campi e dei suoi sogni per una vita migliore. Asif ci porta negli spazi di una fabbrica di legnami abbandonata, dove i migranti si rifugiano aspettando l’occasione di nascondersi sotto un camion per attraversare l’Adriatico verso l’Italia.

15:15 Pausa

16:00 “Together Apart”
di Maren Wickwire, Cipro/USA, 2018, 57 min
International Festival of Ethnological Film Belgrade 2018 | Premio Studenti
Quando Guil Ann arriva a Cipro dalle Filippine per raggiungere sua madre Carren e diventare come lei una domestica, le donne si ritrovano per la prima volta dopo dieci anni. Carren ha passato la maggior parte della propria vita adulta lontana dai suoi figli. Dopo qualche mese, eventi inaspettati portano alla deportazione di Carren e mettono a dura prova i sogni precari di vicinanza e di un futuro migliore di entrambe le donne.

17:00 Conclusione