TRE DOCUMENTARI DEL MUSEO SUL DIALETTO IN ONDA SU TELEPACE TRENTO

Trento, 6 – 21 luglio 2014
Per tre domeniche appuntamento con i film di Antonella Mott e Michele Trentini

Domenica 6 luglio alle ore 14.30, in replica alle ore 21.50 e lunedì 7 alle ore 14.15 è in programma su Telepace Trento (Telepace Regione 2) nell’ambito della rubrica “Cinema d’autore”, il film “L’alfabeto delle cose”. Il video, risultato di una ricerca che ha avuto come obiettivo la documentazione di dati linguistico-dialettologici ed etnografici, presenta il saggio di un’indagine svolta tra il 2003 e il 2004 nel corso della quale sono state analizzate alcune centinaia di manufatti conservati da Camillo Andriollo (1911-2005) all’interno della sua stalla ad Olle, frazione di Borgo Valsugana. Gli oggetti in uso presso la famiglia di Camillo fino alla metà degli anni ’80 testimoniano numerose attività della tradizione agropastorale quale il lavoro nei campi, la viticoltura e la vinificazione, la fienagione, il lavoro nei boschi, l’allevamento del bestiame e la mascalcia, la caseificazione, la lavorazione del legno, il trasporto con slitte e carri, la conservazione degli alimenti, varie attività domestiche, ecc.
Nel corso delle rilevazioni è stato chiesto all’anziano informatore di fornire la denominazione dialettale di ogni oggetto nelle sue singole parti e di spiegarne l’utilizzo davanti all’obiettivo della telecamera.
La ricerca ha prodotto circa dodici ore di documentazione in video che comprendono, oltre alle informazioni sopra citate, numerosi aneddoti e notizie riguardanti i contesti di costruzione e di utilizzo degli utensili.
Il documentario etnografico è realizzato da Antonella Mott e Michele Trentini, e prodotto dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina.

Domenica 13 luglio alle ore 14.30, in replica alle ore 21.50 e lunedì 14 alle ore 14.15 è in programma su Telepace Trento (Telepace Regione 2) nell’ambito della rubrica “Cinema d’autore”, il film “L’alfabeto delle cose di Nomesino”. Realizzato con le medesime modalità impiegate nel documentario sulla raccolta di Camillo Andriollo a Olle, che va in onda il 6 luglio, il video presenta un saggio dell’indagine etnografica compiuta sulle centinaia di manufatti di ambito agrosilvopastorale conservati a Nomesino da Marcello Beltrami, classe 1935, che ne fornisce la denominazione dialettale spiegandone le specifiche modalità di utilizzo davanti alla telecamera. Il documentario etnografico, realizzato da Antonella Mott e Michele Trentini, e prodotto dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, è il risultato di una videoricerca realizzata a Nomesino, in val di Gresta, che ha avuto come obiettivo la documentazione di dati linguistico-dialettologici ed etnografici in occasione della mostra allestita dall’associazione “Castel Frassem” nel giugno del 2006.

Domenica 20 luglio alle ore 14.30, in replica alle ore 21.50 e lunedì 21 alle ore 14.15 è in programma su Telepace Trento (Telepace Regione 2) nell’ambito della rubrica “Cinema d’autore”, il film “La cucina della memoria”. Bianca Speranza, nata a Drué nel 1919, descrive e commenta alcune decine di oggetti provenienti dalle vecchie cucine del Bleggio, con particolare attenzione alla loro nomenclatura e alla loro funzione. La testimonianza è ricca di preziose informazioni etnografiche e folkloriche sull’universo alimentare popolare, riportate attraverso la narrazione di aneddoti. Il documentario, realizzato da Antonella Mott e Michele Trentini, e prodotto dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, è il risultato di una videoricerca realizzata a Trento in occasione della mostra “Le tradizioni culinarie nelle valli trentine narrate dagli anziani delle RSA”, allestita dalla Residenza Sanitaria Assistitenziale del Bleggio nell’ambito dell’omonimo concorso promosso dall’Unione Provinciale Istituzioni Per l’Assistenza (UPIPA) nel 2005.
 
L’alfabeto delle cose è anche un database lessicografico della cultura materiale trentina consultabile all’indirizzo www.museosanmichele.it/alfabeto-delle-cose. Gli oggetti di cultura materiale che sono stati analizzati nel corso delle ricerche sul campo, con il medesimo metodo di lavoro, fanno parte di tre raccolte: quella appartenente a Camillo Andriollo, quella di Marcello Beltrami (n. 1935) di Nomesino, infine quella curata dalla Casa di Riposo per Anziani di Santa Croce nel Bleggio, per una mostra allestita in collaborazione con l’Unione Provinciale Istituti per l’Assistenza (UPIPA).
 
L’alfabeto delle cose di Antonella Mott e Michele Trentini, MUCGT / Comune di Borgo Valsugana / Antersass, 2006, 35′
 
L’alfabeto delle cose di Nomesino di Antonella Mott e Michele Trentini, MUCGT, 2007, 35′
 
La cucina della memoria di Antonella Mott e Michele Trentini, MUCGT/UPIPA, 2007, 35′